IMPEL Logo

Transetto transfrontaliero marino dell'Europa

2020 - 2021

Ongoing

Descrizione e obiettivi del progetto

Per molti anni, diversi enti di ricerca hanno lavorato sul monitoraggio dei cetacei utilizzando grandi navi e traghetti come piattaforma di osservazione. Le due principali reti europee sono la FLT MED NETwork guidata da ISPRA e la Atlantic Network guidata da ORCA (che pubblica annualmente lo “stato dei cetacei europei”). Le reti si stanno espandendo anche per i paesi del sud della regione mediterranea (come Tunisia e Marocco). C'è una forte necessità per tutti i team leader dei diversi enti di ricerca di incontrarsi e rafforzare la collaborazione, le migliori pratiche, e il miglioramento della ricerca comune e del protocollo di monitoraggio condiviso, nonché l'espansione della copertura delle indagini.

Una rete di istituti di ricerca pubblici, membri di IMPEL, settore privato e ONG’s, avrà la possibilità di unirsi per aumentare la capacità di un protocollo di monitoraggio per raccogliere i dati ambientali necessari per le direttive UE legate agli ecosistemi acquatici.

L'obiettivo principale del progetto è quello di collegare le due reti (Mediterraneo e Atlantico) espandendo le reti ai paesi meridionali della regione mediterranea al fine di rafforzare l'attuazione del diritto ambientale in Europa.

Si tratta di un progetto che ha come obiettivo principale quello di collegare le due reti (Mediterraneo e Atlantico) espandendo le reti ai paesi meridionali della regione mediterranea al fine di rafforzare l'attuazione del diritto ambientale in Europa.

Inoltre, a seguito dei risultati di un progetto Interreg Med (MedSeaLitter in cui ISPRA era un partner) sono state pubblicate nuove linee guida per il rilevamento dei rifiuti marini. L'obiettivo del nostro progetto IMPEL sarebbe anche quello di trasferire i risultati alle due reti, e ai loro enti di ricerca, in modo da raccogliere congiuntamente i dati sui cetacei/tartarughe e sui macro rifiuti marini. Il protocollo sviluppato sui rifiuti marini è stato condiviso con il gruppo di lavoro del JRC Marine Litter e sarà anche pubblicato nella nuova guida del JRC sul monitoraggio dei rifiuti marini.

Risultati

I risultati saranno un protocollo congiunto rivisto (prima fase) al fine di raccogliere dati per soddisfare le esigenze delle direttive UE menzionate (in primo luogo la MSFD) e la Convenzione regionale del mare, come i dati sul rischio di esposizione delle specie ai rifiuti di plastica, fissando anche le linee di base per i rifiuti marini in zone di alto mare. I risultati seguiranno diversi passi futuri al fine di avere un protocollo completo nel prossimo futuro che ha anche sperimentato tutte le fasi di test, diffusione e capitalizzazione.

Il pacchetto di lavoro 2021 mira a soddisfare, dopo la fase di scoop del progetto FLT Europe IMPEL 2020, tutte le lacune nei diversi protocolli di monitoraggio al fine di standardizzarli e tracciare linee guida per supportare in modo efficiente il processo decisionale in tutta Europa e rispondere alla direttiva quadro sulla strategia marina (MSFD) e alle altre direttive ambientali dell'UE nel comparto delle acque marine.

File correlati/informazioni

  • Direttiva Habitat (92/43/CEE).
  • Direttiva quadro sulla strategia marina (2008/56/CE).
  • Nuovo pacchetto di direttive sui rifiuti.
  • Direttiva SUP 2019/94/UE.
  • Convenzione marittima regionale (Barcellona e OSPAR).

Number: 2021/08-WP8, 2020/14 – Status: Ongoing – Period: 2020 - 2021 – Topic: Acqua e terra - Tags:

We're using cookies

We use only essential cookies that are necessary for the use of the site.