IMPEL Logo

Acqua e terra

La consapevolezza della minaccia rappresentata dal degrado qualitativo e quantitativo delle risorse idriche è aumentata negli anni. La presenza di una serie di strutture amministrative ed esecutive diverse che operano in una stessa area tematica, la necessità di operare in una linea strategica definita da direttive quadro e l'insufficienza di evidenze, dati e informazioni, sono segnalate come le cause principali del gap di attuazione. Questo di conseguenza può mettere in pericolo la capacità dei gestori dell'acqua di pianificare interventi adeguati.

Per affrontare queste sfide, il team di esperti dell'acqua e del territorio sta prendendo in considerazione due approcci:

  • uno tradizionale, dal punto di vista di IMPEL’a protezione dell'ambiente, basato sull'ispezione e la promozione; e
  • una relativamente innovativa, che guarda al monitoraggio ambientale come strumento di supporto alla pianificazione strategica richiesta dalle direttive quadro
.

I temi dell'attività, in quest'ottica, saranno i doveri esecutivi direttamente o indirettamente legati a direttive come la direttiva quadro sulle acque, la direttiva nitrati, le direttive sulla strategia marina; inoltre, saranno presi in considerazione i progetti relativi alla protezione delle acque e del suolo nello IED. Le questioni agricole saranno considerate con un'attenzione speciale, a causa dell'impatto potenziale diretto di questa attività umana sull'ambiente idrico e sul suolo, e il complesso quadro delle responsabilità di applicazione

Tags:

Key areas

  • Water and land remediation
  • Diffuse pollution
  • Mining areas
  • Soil threats
  • Land take
  • Cross Compliance in CAP
  • Water Management
  • Support to Planning Managers in implementation of Framework and Strategy Directives on W&L topics
  • Agriculture and cross compliance in CAP

Relevant legislation

Related projects

  • Bonifica dell'acqua e del terreno

    La gestione dei siti contaminati è un processo che ha diverse velocità negli Stati membri. Questo è dovuto in parte alla differenza nella legislazione che comporterebbe definizioni diverse come per fare alcuni esempi "siti potenzialmente contaminati", "siti contaminati", "siti bonificati". Per questo motivo, la Commissione europea e il CCR hanno lanciato un'iniziativa con la rete EEA-EIONET per trovare definizioni comuni e un sondaggio negli SM nel 2018 (https://ec.europa.eu/jrc/en/publication/statuslocal-soil-contamination-europe-revision-indicator-progress-management-contaminated-sites) che ha portato a definire 6 status di sito.

    [Read more]
  • Transetto transfrontaliero marino dell'Europa

    Per molti anni, diversi enti di ricerca hanno lavorato sul monitoraggio dei cetacei utilizzando grandi navi e traghetti come piattaforma di osservazione. Le due principali reti europee sono la FLT MED NETwork guidata da ISPRA e la rete atlantica guidata da ORCA (che pubblica annualmente lo "stato dei cetacei europei"). Le reti si stanno espandendo anche per i paesi meridionali della regione mediterranea (come Tunisia e Marocco). C'è una forte necessità per tutti i team leader dei diversi enti di ricerca di incontrarsi e rafforzare la collaborazione, le migliori pratiche, e il miglioramento della ricerca comune e del protocollo di monitoraggio condiviso, nonché l'espansione della copertura di indagine.

    [Read more]
  • Inversione di tendenza nell'inquinamento delle acque sotterranee

    L'art. 4 della direttiva quadro sulle acque (WFD) obbliga gli Stati membri, tra le altre cose, a proteggere, migliorare e ripristinare tutti i corpi idrici sotterranei con l'obiettivo di raggiungere un buono stato delle acque sotterranee entro dicembre 2015, e ad attuare le misure necessarie per invertire qualsiasi tendenza significativa e duratura all'aumento della concentrazione di sostanze inquinanti. In realtà, però, il 25 % dei corpi idrici sotterranei nell'UE (e ad esempio il 36 % in Germania) erano chimicamente in cattivo stato nel 2015, soprattutto a causa dell'inquinamento da nitrati e pesticidi provenienti dall'agricoltura. Inoltre, secondo un rapporto dell'AEA del 2018, l'area totale dei corpi idrici sotterranei con una tendenza all'aumento dell'inquinamento identificata è ancora quasi il doppio dell'area con un'inversione di tendenza (9,9 % contro 5,9 % dell'area).

    [Read more]
  • Diffusione sostenibile del territorio

    Il progetto (SWETE-Safeguarding the Water Environment Throughout Europe, phases I-V) cerca di costruire una comprensione comune dei nostri approcci normativi, costruire reti di esperti e sviluppare risorse condivise per migliorare la resilienza tecnica, nell'ambito dell'ambiente idrico (e in particolare sull'attuazione della direttiva quadro sulle acque (WFD). La fase VII di SWETE e il progetto 2021 Sustainable Landspreading si concentra sullo studio della capacità dei suoli di accettare contaminanti dalle attività di spandimento dei terreni.

    [Read more]
  • Acque reflue in ambiente naturale (WiNE)

    Questo pacchetto di lavoro mira ad aiutare gli Stati membri nella transizione verso l'economia circolare all'interno del ciclo dell'acqua. Attraverso la condivisione di buone pratiche nella gestione delle acque urbane, industriali e di produzione alimentare, in termini di uso e riuso dell'acqua (uso di acque reflue trattate come fonte di acqua alternativa) si intende identificare e migliorare le soluzioni in termini di efficienza nell'uso dell'acqua (tenendo conto sia degli aspetti qualitativi che quantitativi), che possono contribuire a soluzioni a inquinamento zero.

    [Read more]
  • Crimini d'acqua

    Le conclusioni del Consiglio sulla lotta ai crimini ambientali (8 dicembre 2016) hanno riconosciuto il ruolo di IMPEL nel contrastare i crimini ambientali, ma una definizione comune di "crimini legati all'acqua" è un compito impegnativo. Inoltre, i crimini legati all'acqua sono spesso ricodificati sotto altri reati - come frode, corruzione, traffico, falsificazione di documenti, terrorismo - per l'assenza di un approccio analitico sistematico. La natura e la portata di questo tipo di attività è ancora relativamente sconosciuta. Sulla base di queste premesse, questa proposta mira ad aumentare la conoscenza dei crimini legati all'acqua, coinvolgendo la comunità IMPEL in un progetto volto a raccogliere e condividere informazioni sul tema, la sua presenza, la sua percezione e la gestione presso le autorità competenti.

    [Read more]
  • Iniziativa nazionale di revisione tra pari (NPRI)

    Il progetto mira a porre le basi per lo sviluppo di attività autonome di Peer Review nelle reti nazionali di autorità e agenzie ambientali. Può essere utilizzato come strumento per migliorare le proprie prestazioni attraverso il dialogo, il confronto collaborativo e la condivisione di buone pratiche tra i pari appartenenti alla stessa rete.

    [Read more]
  • Sviluppo delle capacità e formazione

    Negli ultimi anni IMPEL e la Commissione Europea hanno emesso le loro posizioni riguardo al capacity building e di conseguenza diversi progetti IMPEL stanno ora prendendo l'iniziativa di sviluppare le loro idee su come sostenere i suoi membri nell'implementazione dei prodotti che forniscono.

    [Read more]
  • Gestione dei rifiuti minerari

    L'attività mineraria è sempre stata una fonte di materie prime per l'uomo ma allo stesso tempo ha generato molti problemi ambientali. Enormi quantità di rifiuti estrattivi, spesso abbandonati, sono fonti di inquinamento e zone di dissesto geotecnico e idrogeologico. Oggi, dopo numerosi incidenti nelle attività minerarie, la Commissione europea ha adottato la direttiva 2006/21/CE sulla gestione dei rifiuti delle industrie estrattive (nota come direttiva mineraria) che ha modificato la direttiva 2004/35/CE.

    [Read more]
  • Conferenze su acqua e territorio

    La Commissione europea ha chiesto all'IMPEL di ampliare e applicare la sua capacità normativa al team di esperti in materia di acqua e territorio. Una gestione efficace delle risorse idriche e terrestri (sia in termini di qualità che di quantità) si basa su una buona pianificazione preventiva e sulla realizzazione di interventi basati su dati, informazioni e giudizi professionali. È essenziale che la crescita economica in ogni Stato membro sostenga la protezione e l'utilizzo sostenibile delle risorse idriche e terrestri. Inoltre, l'iniziativa ECA, promossa dalla Commissione europea, pone nuove sfide, in particolare sul punto n. 5 (Preparare documenti di orientamento sulle buone pratiche di garanzia della conformità ambientale nelle aree rurali (in relazione alla terra e all'acqua)) che devono essere studiate e discusse, per trovare proposte che soddisfino l'ambiziosa prospettiva di ulteriore evoluzione dell'IMPEL.

    [Read more]
  • Pianificazione dello sviluppo del fiume

    Molti fiumi, laghi e torrenti nell'UE sono lontani dal buono stato delle acque che avrebbero dovuto raggiungere entro dicembre 2015 o al più tardi entro il 2027, secondo la direttiva quadro sulle acque dell'UE. In Germania, per esempio, solo il 10% dei fiumi e dei torrenti ha un buono stato ecologico e chimico, a causa dell'inquinamento da acque reflue, fertilizzanti agricoli e pesticidi, pesanti canalizzazioni, ostruzioni da barriere di dighe, così come l'espansione urbana e l'impermeabilizzazione del terreno nei bacini idrografici. Per ridurre e invertire questi impatti sullo stato delle acque, è necessario valutarli in modo integrato e dare la priorità alle misure necessarie.

    [Read more]
  • Ottenere una migliore conformità nel settore agricolo attraverso il collegamento in rete e la collaborazione degli ispettorati ambientali e agricoli

    La Commissione europea ha identificato quest'area di progetto come una priorità per IMPEL. Ha sottolineato che ci sono scarsi livelli di conformità con la direttiva quadro sulle acque (inquinamento diffuso e estrazione illegale) e la direttiva sui nitrati e che è stato identificato un divario tra gli ispettorati "ambientali" e "agricoli". Di conseguenza, hanno auspicato un maggiore collegamento tra le diverse agenzie di regolamentazione per raggiungere livelli più elevati di conformità nel settore agricolo, uno scambio di informazioni pertinenti e le migliori pratiche attuali per quanto riguarda l'inquinamento diffuso e il controllo dei nitrati.

    [Read more]
  • Ridurre i pesticidi nell'acqua

    L'equilibrio tra una produzione agricola competitiva e la protezione degli ecosistemi idrici è una preoccupazione per gli Stati membri dell'UE nell'ambito della politica agricola comune (PAC) e della Direttiva quadro sulle acque (WFD). Gli strumenti per raggiungere l'uso sostenibile dei pesticidi sono gli impegni agroambientali volontari finanziati all'interno dei programmi di sviluppo rurale (PSR) e i requisiti minimi normativi di conformità incrociata e le misure di base secondo la WFD. Al fine di raggiungere gli obiettivi di un buono stato delle acque sotterranee e superficiali, l'articolo 11.3 della WFD stabilisce che un riesame e, se necessario, l'aggiornamento delle misure per prevenire e controllare l'uso dei pesticidi dovrebbe essere eseguito e incluso nei Piani di gestione dei bacini idrografici (RBMP). La regolamentazione nazionale per raggiungere gli obiettivi dovrebbe essere descritta e questa base legale di misure di base per prevenire e controllare l'uso dei pesticidi secondo la direttiva (2009/128/CE) sull'uso sostenibile dei pesticidi dovrebbe essere identificata nel programma di misure che gli stati membri stanno ultimando nel dicembre 2015 secondo la WFD. Inoltre, secondo la WFD i programmi di monitoraggio (operativo) basati sul rischio dovrebbero essere progettati per seguire la necessità di misure per ridurre gli inquinanti nelle acque sotterranee e di superficie. Questi costi di monitoraggio sono negli stati membri in varia misura coperti dal pubblico e dagli utilizzatori di pesticidi. L'implementazione della WFD è in corso per il primo ciclo di gestione e ci sono varie lacune di implementazione negli stati membri a seconda dei prerequisiti e dei problemi e delle opportunità nazionali. La rete IMPEL prevede di scambiare piani e strategie per facilitare l'ulteriore attuazione della WFD nella legislazione nazionale al fine di raggiungere un equilibrio armonizzato tra misure obbligatorie e volontarie e un uso armonizzato del principio "chi inquina paga" quando i costi del monitoraggio devono essere condivisi.

    [Read more]
  • Riunione del team di esperti di acqua e terra

    La nuova strategia IMPEL prevede dei Team di Esperti (ET), tra cui il Team di Esperti Acqua e Territorio. È necessario che, almeno una volta all'anno, i membri dell'ET si riuniscano per discutere dei progetti i risultati, i progressi e le attività future e la nomina dell'ET Leader e del Deputy Leader per il 2017 e il 2018. I progetti prevedono una riunione, per un massimo di 20 persone, da tenersi in back to back con una conferenza; probabilmente con la conferenza IMPEL Water nel quadro del progetto SWETE 2. I risultati saranno legati a una maggiore forza del team di esperti, priorità chiare, programmi meglio definiti che mirano ad affrontare le questioni dell'acqua e del territorio dal punto di vista dell'IMPEL.

    [Read more]
  • Buone pratiche per affrontare l'inquinamento da nitrati da fattorie e cascine

    L'inquinamento da nitrati provenienti dall'agricoltura è un'area cruciale su cui la IMPEL deve lavorare a causa degli scarsi livelli di conformità con la direttiva quadro sulle acque e la direttiva sui nitrati. Nel corso del 2013 si è tenuto un progetto di successo per creare reti tra ispettori agricoli e ambientali nel campo dell'inquinamento diffuso e della direttiva nitrati. Si sono tenute due visite sul campo che hanno riguardato le due aree tematiche principali. I membri del progetto hanno identificato il desiderio di continuare a lavorare in questo settore attraverso lo sviluppo di più visite di scambio e attraverso lo sviluppo di un documento di orientamento per condividere le buone pratiche identificate in questo settore per aiutare l'attuazione.

    [Read more]
  • Rilevamento e valutazione della sovra-estrazione d'acqua e dell'estrazione illegale (WODA)

    L'estrazione eccessiva si verifica non solo per uso irriguo ma anche per usi industriali e civili e può causare in alcuni casi effetti drammatici sulla subsidenza del suolo. I casi tipici di estrazione illegale di acqua si verificano quando i pozzi funzionano senza permesso, o quando l'acqua viene pompata da fiumi o canali senza permesso. L'osservazione della Terra (EO), specialmente il telerilevamento satellitare, può fornire metodi ben consolidati per il monitoraggio dell'estrazione dell'acqua. Il rilevamento dell'estrazione illegale di acqua è un ulteriore passo avanti ed è fattibile solo se i permessi sono organizzati in un adeguato GIS. In prima istanza, i metodi EO per il monitoraggio dell'estrazione dell'acqua potrebbero essere riassunti come segue:

    [Read more]
  • Conferenza sul suolo

    IMPEL sta organizzando la Conferenza del Suolo 2015, con lo scopo di condividere esperienze e sostenere l'attuazione delle migliori pratiche sulla protezione del suolo tra i professionisti a livello europeo. Il contesto è l'"Anno internazionale dei suoli (IYS)", dichiarato dalle Nazioni Unite per quest'anno e, in generale, l'opportunità di sviluppare iniziative di sensibilizzazione sulla protezione di questo comparto ambientale vitale.

    [Read more]
  • We're using cookies

    We use only essential cookies that are necessary for the use of the site.